Le città devono rispondere a sollecitazioni sempre maggiori in termini di sicurezza urbana esociale, prevenzione e mitigazione dei rischi ambientali (frane e terremoti). Gli attuali strumentiurbanistici si dimostrano incompleti a garantire la sicurezza del territorio urbano in termini diprevenzione, mitigazione e monitoraggio con logica di previsione del rischio. Infatti, in Italiale Linee Guida per la Microzonazione Sismica [GSM: Gruppo di lavoro MS (2008)], sebbenerappresentino il principale strumento per la pianificazione urbana in termini di rischio sismico,si focalizzano principalmente su problematiche geologico-tecniche del sottosuolo trascurandocompletamente la presenza degli edifici. Nell’ottica di considerare l’ambiente urbano comeun unicum costituito dal suolo e dagli edifici, nell’ambito dell’OR4 è stato messo a punto unapproccio metodologico che ha permesso di caratterizzare il patrimonio urbano, sottosuolo ededifici, mediante l’applicazione di tecnologie non invasive, a basso costo e di elevata facilitàd’applicazione (Pinzón et al., 2018; Gallipoli et al., 2019).

Use of seismic noise for the rapid characterization of buildings [Utilizzo di rumore sismico per la caratterizzazione rapida degli edifici]

Massolino G.;Rebez A;Sandron D.
2019

Abstract

Le città devono rispondere a sollecitazioni sempre maggiori in termini di sicurezza urbana esociale, prevenzione e mitigazione dei rischi ambientali (frane e terremoti). Gli attuali strumentiurbanistici si dimostrano incompleti a garantire la sicurezza del territorio urbano in termini diprevenzione, mitigazione e monitoraggio con logica di previsione del rischio. Infatti, in Italiale Linee Guida per la Microzonazione Sismica [GSM: Gruppo di lavoro MS (2008)], sebbenerappresentino il principale strumento per la pianificazione urbana in termini di rischio sismico,si focalizzano principalmente su problematiche geologico-tecniche del sottosuolo trascurandocompletamente la presenza degli edifici. Nell’ottica di considerare l’ambiente urbano comeun unicum costituito dal suolo e dagli edifici, nell’ambito dell’OR4 è stato messo a punto unapproccio metodologico che ha permesso di caratterizzare il patrimonio urbano, sottosuolo ededifici, mediante l’applicazione di tecnologie non invasive, a basso costo e di elevata facilitàd’applicazione (Pinzón et al., 2018; Gallipoli et al., 2019).
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
CLARA2019_Tragni_etal.pdf

accesso aperto

Tipologia: Versione Editoriale (PDF)
Licenza: Non specificato
Dimensione 3.8 MB
Formato Adobe PDF
3.8 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.14083/1503
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact