La sismica 3D, ampiamente usata nella ricerca petrolifera, soprattutto a mare, non è stata impiegata finora altrettanto intensamente in altri campi di indagine, come quello idrogeologico. Ultimamente tuttavia i costi per l'acquisizione si sono ridotti, è aumentata la maneggevolezza degli strumenti, e si inizia a vedere qualche applicazione in tale campo. Questo lavoro presenta i risultati di una simile applicazione alla mappatura di un acquifero in ambiente alluvionale, nei pressi dell'aeroporto del Friuli-Venezia Giulia. In particolare, si mostrano i risultati delle analisi tomografiche delle onde P e di superficie rilevate.

Sismica 3d applicata allo studio di un acquifero

Rossi G;Busetti M;Picotti S;Vuan A
2001

Abstract

La sismica 3D, ampiamente usata nella ricerca petrolifera, soprattutto a mare, non è stata impiegata finora altrettanto intensamente in altri campi di indagine, come quello idrogeologico. Ultimamente tuttavia i costi per l'acquisizione si sono ridotti, è aumentata la maneggevolezza degli strumenti, e si inizia a vedere qualche applicazione in tale campo. Questo lavoro presenta i risultati di una simile applicazione alla mappatura di un acquifero in ambiente alluvionale, nei pressi dell'aeroporto del Friuli-Venezia Giulia. In particolare, si mostrano i risultati delle analisi tomografiche delle onde P e di superficie rilevate.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
ROSSI_etalii_GNGTS2001.pdf

accesso aperto

Tipologia: Altro materiale allegato
Licenza: Non specificato
Dimensione 327.59 kB
Formato Adobe PDF
327.59 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.14083/5638
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact