In this note we communicat3e the integration of Modular Ocean Model (Pacanowski et al. 1993) with spatial and temporal evolution of organic compounds present in the euphotic zone and inorganic remineralization in the aphotic zone of the Mediterranean Sea, as acronym ECHYM - ECoHYdrodynamical model of the Mediterranean (Crispi et al., 2002). The simulations were completed on the SGI Origin3800 in the classical configuration with 128 MIPS R14000 with a CPU at 500 MHz at 128 Gbyte RAM spanning a total execution time of 200000 UAC.

In questa memoria comunichiamo l'accoppiamento del modello di circolazione generale MOM (Pakanowski et al. 1993) con l'evoluzione spazio-temporale delle componenti organiche presenti nella zona eufotica e con la rimineralizzazione organica nella zona afotica del Mediterraneao, denominata ECHYM nel seguito (Crispi et al., 2002). Le simulazioni hanno comportato un tempo di esecuzione pari a 200000 UAC complessive sulla SGI Origin3800 del CINECA.

Balancing the Modular Ocean Model for Mediterranean Ecosystem

CRISPI G
2004

Abstract

In questa memoria comunichiamo l'accoppiamento del modello di circolazione generale MOM (Pakanowski et al. 1993) con l'evoluzione spazio-temporale delle componenti organiche presenti nella zona eufotica e con la rimineralizzazione organica nella zona afotica del Mediterraneao, denominata ECHYM nel seguito (Crispi et al., 2002). Le simulazioni hanno comportato un tempo di esecuzione pari a 200000 UAC complessive sulla SGI Origin3800 del CINECA.
88-86037-13-9
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.14083/3795
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact